Hai deciso di chiedere un prestito e ti sei imbattuto su due sigle: TAN e TAEG.

Capire cosa sono è davvero semplice. Per questo ti proponiamo una breve guida che ti consenta di avere sempre a portata di mano la definizione di questi due acronimi.

Iniziamo a svelarti un segreto. Il TAN e il TAEG sono i due valori che ti aiutano a capire cosa determina la rata della tua richiesta di prestito, così da poter scegliere l’offerta più vantaggiosa per te.

Iniziamo subito!

Indice:

Cosa sono TAN e TAEG

Partiamo subito nel definire cosa sono TAN e TAEG.

Il TAN (Tasso Annuo Nominale) indica il tasso di interesse “puro”, in percentuale sul credito concesso e su base annua. “Puro” significa che non comprende spese o commissioni e non indica il “costo totale del finanziamento”, espresso invece dal TAEG.

Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale), espresso in percentuale sul credito concesso e su base annua, comprende tutti i costi e per questo è particolarmente utile per capire quale può essere il finanziamento più adatto alle proprie esigenze e possibilità economiche.

Entrambi i valori sono particolarmente importanti per la valutazione e comparazione di offerte di prestito. Motivo per cui, quando vedi su internet, in tv o per la metropolitana pubblicità a riguardo, devi sempre fare attenzione a tutte le informazioni riguardo il TAN e/o altre indicazioni relative ai costi del credito (anche lo zero è una cifra!). Questi infatti devono essere espressi in maniera chiara, concisa ed evidenziata rispetto a tasso di interesse su base annua, spese che determinano il costo totale del credito, importo totale del credito o cifra massima che può essere messa a disposizione, durata del contratto, importo totale dovuto e ammontare delle singole rate.

Qual è la differenza tra TAN e TAEG

La differenza tra TAN e TAEG da tenere sempre a mente è che mentre il primo indica la percentuale a cui sono calcolati gli interessi che sono inclusi su ogni rata, il secondo indica in percentuale il costo totale a carico del consumatore su base annua, che comprende gli interessi e tutti gli altri oneri da sostenere.

Il TAEG esprime il costo totale del finanziamento perché comprende spese e commissioni. Per questo può essere anche molto più alto del TAN.

Se hai più offerte in mano e non sai a quale contratto chiudere, sarà proprio il TAEG ad aiutarti nella scelta.

Il motivo è semplice. Il TAEG ti consente di avere da subito una visione generale della richiesta che comprende tutte le spese, e quindi di capire se ciò che è stato offerto è vantaggioso o meno.

Per capire meglio cosa sono TAN e TAEG e qual è la loro differenza, proviamo a fare un esempio con una richiesta con Smartika.

Marco e Lucia vorrebbero ristrutturare casa e decidono di chiedere un prestito con Smartika per avere un riscontro in poche ore.

Marco vorrebbe chiedere un prestito di 15.000 € e sceglie di ammortizzarlo in 48 mesi aggiungendo anche l’assicurazione.

Marco dovrà ritornare mensilmente una rata pari a 372€.

Il 3,69 % della rata mensile corrisponderà al TAN, mentre TAEG pari al 5,70% riguarderà tutto il capitale richiesto in prestito.

Avrai notato che TAN e TAEG hanno percentuali diverse. Il TAEG infatti, come detto prima, includendo tutte le spese connesse alla concessione del credito, ha un valore in percentuale più alto.

Come si calcola il TAEG di un prestito?

Calcolare il TAEG è un po’ più complesso, proprio perché prende in considerazione tutte le spese aggiuntive.

Marco e Lucia per chiedere il prestito a Smartika devono ad esempio tener conto anche delle commissioni dichiarate nel contratto.

Vieni a conoscere tutte le condizioni di Smartika simula la tua richiesta di prestito in pochi click.

0 Shares: