Il P2P lending è in grado di dispiegare al meglio i propri effetti benefici su tutto il sistema sociale ed economico anche in ragione della sua funzionalità.

Una caratteristica che si basa sulle logiche utilizzate per selezionare i progetti ed elaborare i processi di finanziamento. Questi infatti devono rivelarsi i più accurati possibile, oltre che in linea con le disposizioni di legge, in particolare quelle relative all’antiriciclaggio.

I prodotti ben progettati sono il modo principale in cui i clienti traggono vantaggio dall’accesso.

Per andare ad impostare il tutto nella maniera più adeguata si parte dall’analisi di dati raccolti direttamente dal proprio gruppo target.

L’analisi del P2P lending

Il P2P lending svolge un’analisi chiara delle sfide e delle opportunità che i clienti affrontano durante l’anno. Approfondimenti che richiedono varie tecniche di raccolta dati, tra cui interviste individuali, focus group e osservazioni.

Tale ricerca dovrebbe esaminare almeno i seguenti fattori dei clienti target:

  • Caratteristiche personali e aziendali (ad esempio, tipo di attività, genere)
  • Comportamenti finanziari (es. Abitudini di risparmio, modelli di consumo)
  • Esigenze finanziarie e sul breve, medio e lungo periodo (ad esempio, tasse scolastiche, risparmi per matrimoni)
  • Opportunità e vincoli economici e sociali
  • Barriere all’accesso ai prodotti (ad esempio, distanza dalle filiali, barriere linguistiche)
  • Rischi ed emergenze comuni che devono affrontare i clienti target (ad esempio, mancanza di assicurazione sanitaria)
  • La misura in cui i prodotti e servizi attuali soddisfano queste esigenze di cui sopra
  • In che modo le modifiche o le aggiunte ai prodotti esistenti potrebbero affrontare meglio le opportunità e i vincoli di cui sopra.

Come il P2P lending sceglie i progetti

Per il P2P lending, le barriere all’accesso sono una delle aree di indagine più utili per la selezione del progetto da includere nelle operazioni finanziabili.

Esempi di barriere includono:

  • caratteristiche del prodotto che non corrispondono ai flussi di reddito dei clienti,
  • canali di consegna che non sono convenienti o convenienti per i clienti,
  • termini di prodotto troppo complicati da comprendere per la popolazione target e requisiti di garanzie o commissioni troppo elevate.

Il processo di progettazione del prodotto avrà un aspetto diverso in ciascuna organizzazione, ma dovrebbe sempre essere basato su una rigorosa comprensione delle esigenze del cliente, basata sulla ricerca di mercato discussa sopra.

banner-smartika
1 Shares:
You May Also Like