Non si può più scappare: è il momento di investire nella sostenibilità.

Vivere sostenibile non significa più solo stare bene, adottare nuove misure nel quotidiano e guardare i documentari sul cambiamento del nostro Pianeta. La sostenibilità ha oggi un senso più profondo: siamo più educati, sensibilizzati, abbiamo dei dati in mano, e tutti siamo uniti dalla forza di migliorare il nostro futuro in senso più largo.

Siamo di fronte a drastiche condizioni che ci fanno riflettere su come ogni giorno affrontiamo temi come la sostenibilità economica, la lotta al cambiamento climatico e la sostenibilità sociale.

Stiamo vedendo gli effetti di migliaia di anni di evoluzioni, innovazioni e ricerche, che però non hanno considerato il peso delle nostre azioni sul pianeta. La nostra più grande ricchezza ha bisogno della responsabilità di tutti, della comprensione e di risposte immediate. Soluzioni che devono essere adottate nel piccolo ma anche (e soprattutto) dalle più grandi società e organizzazioni.

Ecco perchè investire nella sostenibilità ha oggi un significato più concreto. Il termine sostenibilità non viene più associato all’idea di risparmio o scelta tra valore etico e crescita di business. Il mercato ci insegna che è possibile perseguire le proprie strategie aziendali facendo addirittura della sostenibilità il proprio core e carta vincente.

I risultati? Sono evidenti, misurabili, di grande valore e capaci di guardare al futuro.

Indice:

Qual è la nuova direzione del mercato

Oggi basta collegarsi a Instagram per vedere come la comunicazione stessa è cambiata. Le aziende hanno completamente rivoluzionato i propri modelli di business per combattere ogni giorno a favore della sostenibilità. Moda, design, food, trasporti, servizi sociali: ogni cosa è stata resa trasparente per raccontare la propria anima attraverso i numeri, dimostrare la realtà al di fuori della pomposa pubblicità e far percepire il senso di responsabilità del proprio lavoro.

Grazie alla diffusione dei mezzi di comunicazione più immediati (complice anche al lockdown), le persone sono diventate più sensibili al tema della sostenibilità, dai più grandi ai più piccoli. Ne è dimostrazione la scelta di adottare materiali riciclabili, di utilizzare e riutilizzare prodotti di seconda mano, di acquistare prodotti ecogreen, ma soprattutto di ricostruire da zero le dinamiche di produzione e di distribuzione che stanno dietro al prodotto ben confezionato.

Oggi conosciamo i produttori, siamo a conoscenza dell’impatto dei tessuti sul pianeta, conosciamo i diritti dei lavoratori e dove operano, siamo consapevoli delle emissioni di carbonio e dell’uso della carta all’interno delle aziende. Conosciamo l’impatto dei trasporti e quanto le nostre tasche sono anche più felici se andiamo in bicicletta per andare a lavoro.

Di fronte a questo cambiamento, i grandi player del mercato fino alle emergenti start up hanno iniziato a muovere porzioni di capitale verso iniziative più sostenibili, dimostrando il proprio impegno verso la costruzione di un futuro migliore.

Ogni progetto deve evolversi verso la via della sostenibilità: è necessario investire su quello che più di tutti ci lega e ci rende ricchi. Il nostro pianeta sta risentendo troppo velocemente dei progressi che hanno contribuito sì alla crescita dell’essere umano, ma dall’altro lato al continuo privarci della bellezza più grande che ci accomuna.

E per farlo, possiamo contribuire alla crescita sostenendo le cause e le iniziative che sentiamo più vicine ai nostri valori.

Nuovi progetti si pongono come forze motrici di un azioni più grandi, capaci di allontanarsi dalla classica mentalità del mercato e di proporre soluzioni che riscoprono la natura e la sua ricchezza.

Pensiamo al futuro: i nostri giovani pensano sostenibile

Per guardare al futuro, dobbiamo imparare a parlare ai giovani del domani. Sono infatti loro che vivranno le cause delle nostre azioni. E stiamo parlando di quegli stessi giovani che fanno parte della “Generazione Greta”: hanno le idee chiare, sanno dove vogliono andare e cosa devono fare per raggiungere i propri obiettivi.

Sanno dire NO al mercato e dare ancora più voce alle idee che credono fermamente nel futuro del pianeta. Una generazione decisamente più attenta che si distingue per una scelta dello stile di vita legato alla sostenibilità ambientale e sociale.

Passo dopo passo stanno rivoluzionando il modo di vedere le cose e di pensarle. Sanno innovare senza “fuffa” ma con concretezza.

In questo contesto sono coinvolte anche le banche, che hanno imparato ad allontanarsi dalle classiche strategie finanziarie e adottare nuove strategie. Qui il mondo del Fintech viene in aiuto.

Ecco perchè investire nel sostenibile

La continua produzione di dati sempre più dettagliati ha consentito agli investitori di costruire portafogli variegati, che vanno oltre ai cosiddetti “mercati di nicchia” e sono più propensi a valutare i mercati sostenibili.

Non basta più infatti guardare ai settori prettamente “green”, ma serve includere anche tutte le attività che hanno una forte ricaduta sull’ambiente e sulla società in toto.

L’accellerata verso la sostenibilità ambientale ha cambiato dal profondo tutti i settori del mercato, che hanno concretizzato dall’interno  le decisioni definite dalle grandi organizzazioni internazionali come l’Onu, tra cui i fattori ESG (environmental, social, governance), ma anche a investire parte del loro capitale in nuove opportunità che continuano a seguire la via della sostenibilità.

A questo quadro, si aggiunge il fatto che sono proprio gli investimenti sostenibili ad essere ben voluti dalle istituzioni, che li incentivano mettendo in piedi sistemi di sovvenzioni e sgravi fiscali a favore di un acquisto continuo.

Basti pensare all’aumento dei posti di lavoro previsti per sostenere il settore green: parliamo di una previsione che stima mezzo milione di nuovi posti (dati Sistema informativo Excelsior, sono contenuti nel Focus Censis -Confcoperative “Smart & green, l’economia che genera il futuro”). Questo perchè le aziende hanno bisogno di nuove competenze all’interno dell’organico e hanno bisogno di adottare nuove tecnologie per portare rivoluzioni all’interno del proprio asset.

Come il portafoglio può diventare sostenibile

Le società di peer-to-peer lending come Smartika consentono ai piccoli investitori di credere fermamente in progetti sostenibili a favore di un guadagno con basso rischio.

Il lending crowdfunding ha infatti incentivano la nascita di nuove opportunità fondate sulla fiducia tra Prestatori e Richiedenti, tramite cui questi ultimi possono creare un portafoglio più ampio tenendo sotto controllo i propri investimenti e registrando delle entrate costanti nel tempo.

Diventa chiaro quindi come investire nella sostenibilità oggi non significa più credere in qualcosa puramente ideologico, ma significa cogliere una grande occasione di crescita che ha un forte impatto nel mondo, e al tempo stesso consente al mercato di crescere e diventare più profittevole.

Inizia a investire con Smartika.

0 Shares:
You May Also Like