Quali sono le principali regole da conoscere per imparare a investire? Una breve guida per principianti.

In questi giorni nei nostri canali abbiamo parlato di risparmio, inflazione e futuro. Tutti concetti che fanno capire quanto sia importante investire ma a volte siamo bloccati dall’idea di dover imparare.

Non conosci i nostri canali social? Inizia a seguirci su Facebook e LinkedIn!

Sicuramente ci sono tanti assistenti finanziari in giro pronti a darci una mano (attenzione alle truffe però!), ma noi vogliamo esserti d’aiuto con una guida semplice su come imparare a investire da tenere sempre a portata di mano. Sarà utilissima per te soprattutto se sei alle prime armi.

Per investire infatti non devi per forza avere una formazione in economia, ma devi conoscere piccoli trucchi che passo dopo passo ti aiuteranno a comprendere argomenti a volte sconosciuti.

Consiglio: se vuoi avere la guida a disposizione, salva la pagina tra i preferiti del tuo browser!

Ma iniziamo subito con la guida. Per semplificarti nella lettura dei contenuti, clicca il titolo dell’elenco che ti riportiamo qui sotto.

Le 5 regole per imparare a investire:

  1. Conosci la tua situazione finanziaria
  2. Fissa un obiettivo da raggiungere
  3. Studia il mercato attuale e le tendenze
  4. Diversifica il tuo portafoglio
  5. Crea un piano di accumulo
  6. Imparare a investire nel social lending

1. Conosci la tua situazione finanziaria

Non è possibile partire con un nuovo investimento senza prima conoscere le proprie tasche. Prima di tutto hai bisogno di conoscere la tua situazione finanziaria, senza prendere in considerazione solo il saldo disponibile ma anche il movimento delle tue spese.

Cerca di capire, rispetto all’anno passato, quanto hai speso e dove hai avuto bisogno di coprire maggiori spese.

Ad esempio, se ci sono state più occasioni per cui hai dovuto fare una spesa di alimentari più grossa, se ci sono state spese extra per trasporti o acquisti di altri genere. Se hai dovuto pagare degli abbonamenti o hai iniziato a utilizzare nuovi servizi.

Insomma, costruisci una lista delle tue abitudini e a partire da quella, cerca di capire se hai risparmiato qualcosa e in cosa potresti risparmiare l’anno successivo.

Questo perché? Gli imprevisti purtroppo sono sempre dietro l’angolo, e per poter iniziare il proprio investimento al meglio, bisogna saperli prevedere.

Come abbiamo detto in più occasioni, investire è importante per monitorare il valore dei propri risparmi, ma devi sempre poter avere qualcosa a disposizione per occasioni improvvise.

Anche perché capita a tutti di “scivolare” in qualche desiderio, ma più si riesce a monitorare il proprio portafoglio, più si riesce a risparmiare per il futuro.

2. Fissa un obiettivo da raggiungere

Investire significa essere costanti, prestare attenzione e studiare.

Apparentemente potrebbe sembrare difficile: non è così se si è spinti da una forte motivazione!

Un buon consiglio per imparare a investire è fissarsi un obiettivo. Una nuova automobile, un viaggio dall’altra parte del mondo, un corso di formazione o una casa più grande.

Saranno proprio i sogni ad aiutarci a raggiungere il nostro desiderata.

Infatti, una volta individuato il desiderio e valutato quanti soldi servirebbero per esaudirlo, basterà capire i vari step per iniziare a risparmiare e investire nella direzione più giusta.

3. Studia il mercato attuale e le tendenze

Finora sembra tutto estremamente semplice. In realtà lo è, basta solo farsi quattro conti.

Ma è altrettanto fondamentale essere aggiornati sul mercato attuale e le tendenze del momento, per capire qual è il momento migliore per iniziare a investire.

Quali sono gli indici fondamentali del mercato da tenere sott’occhio? Quali sono i trend del momento? Quali sono le aziende che ispirano più fiducia ai consumatori e quali agiscono davvero nell’innovazione?

Insomma, tieniti aggiornato! E se avrai bisogno di maggiore aiuto, puoi sempre affidarti a un consulente finanziario affidabile.

Perchè investire con il peer to peer lending? Leggi l’articolo

4. Diversifica il tuo portafoglio

Investire non significa solo crescita del denaro. Può infatti verificarsi una caduta in qualsiasi momento. Fa parte del gioco.

E come una partita a carte, non vorremmo mai rischiare troppo per poi ritrovarci poco in mano.

Anche per questo abbiamo un suggerimento: diversifica il tuo portafoglio.

Significa che non devi investire tutto su un unico mercato, ma devi valutare diverse opportunità e decidere “quanto crederci”. Questo ti permetterà di ridurre il rischio di perdita.

Se infatti decidi di puntare il tuo capitale in un solo titolo, questo potrebbe avere una ricaduta da un momento all’altro e potresti perdere tutti i tuoi sacrifici.

Se invece diversifichi il tuo portafoglio, se ci fosse una caduta, perderesti solo una percentuale dei tuoi investimenti.

Questo è un concetto fondamentale da conoscere per imparare a investire.

5. Crea un piano di accumulo

La nostra intenzione non è quella di utilizzare termini tecnici. Creare un piano di accumulo significa investire gradualmente.

Gli investimenti infatti portano risultati concreti e positivi poco alla volta. Avere pazienza quando si investe è la chiave per poter gestire al meglio gli alti e i bassi del mercato.

Potresti pensare di investire un budget specifico al mese oppure rivalutare il tuo investimento sulla base dei movimenti del mercato, dei minimi e dei rialzi.

Inizia a investire il tuo capitale con Smartika!

6. Imparare a investire nel social lending

Una delle strategie per iniziare a imparare a investire è il social lending, una tipologia di investimento tra privati che consente a chiunque di iniziare a finanziare un capitale.
Questa tipologia di scambio denaro è anche conosciuta come peer to peer lending (o P2P lending), uno scambio tra pari.
Ma come funziona il social lending? Ne abbiamo già parlato in diversi articoli ma proviamo a fare un piccolo schema qui sotto:

  • un privato decide di investire una quantità di denaro,
  • si affida a canali o piattaforme online come Smartika per gestire il capitale,
  • sceglie il mercato e il rischio,
  • il denaro viene ceduto ad altri privati che hanno richiesto un prestito per soddisfare piccole necessità.

Il social lending, così come dice la stessa parola, spinge molto la sensibilizzazione sociale ed etica: investire il proprio capitale significa credere nei progetti degli altri, sogni semplici che fanno parte della nostra quotidianità.
Le operazioni sono veloci, semplici, flessibili, hanno ridotti tassi d’interesse ma soprattutto realizzano i sogni di qualcun altro.

Proviamo a fare un esempio: chi sceglie di chiedere un prestito con Smartika, lo fa per ristrutturare casa o costruirsi una famiglia, continuare i propri studi, pagare le proprie spese mediche…
I Prestatori dall’altro lato, con il proprio capitale, contribuiscono offrendo una somma di denaro a diversi Richiedenti e ricevono mensilmente la rata di rimborso, che viene accreditata automaticamente sul conto di pagamento.

Se vuoi sapere di più sugli investimenti con Smartika, clicca qui.

Il social lending è un’opportunità semplice e adatta a tutti che consente di iniziare a capire come muoversi nel mondo della finanza, iniziando a investire piccole somme e imparando a diversificare il proprio portafoglio.

Se vuoi iniziare da subito, consulta il sito di Smartika e inizia a investire il tuo capitale!

0 Shares:
You May Also Like