Sappiamo quanto lo sconvolgimento mondiale portato dal Covid-19 abbia profondamente cambiato il panorama finanziario e quello degli affari in generale: pur in una situazione ancora decisamente fluida e senza punti fermi, si percepiscono delle tendenze ben delineate soprattutto in alcuni settori, come quello dei prestiti e quello della compravendita immobiliare.

La pandemia, infatti, ha portato a un’accelerazione della rivoluzione che si stava già sviluppando da tempo in questi due ambiti, conducendoli entrambi verso una modernizzazione dei processi e una sempre più consistente offerta di esperienze digitali per i clienti.

Tuttavia mentre il mercato immobiliare si sta assestando su una realtà completamente nuova, il settore dei prestiti finanziati dovrà ancora fronteggiare delle evoluzioni e implementare delle best practice durature. In particolare ci sono quattro trend che sono già ben visibili e che caratterizzeranno il prossimo futuro.

La digital acceleration

Già da tempo le persone, soprattutto per quanto riguarda la Generazione Z, quella più giovane e nativa digitale, si stanno orientando verso una gestione dei propri risparmi interamente via web: app di investimento, pratiche dematerializzate, conti correnti online.

Questo processo ha portato alla modernizzazione di molti dei processi bancari tradizionali e alla creazione di vere e proprie realtà Fintech interamente nuove.

L’isolamento e il distanziamento sociale, però, hanno irreversibilmente accelerato il processo di digitalizzazione degli apparati finanziari, tanto che oggi sono sempre di più i clienti che considerano vantaggioso poter avere un’esperienza interamente online, che passi da una veloce pre-approvazione del prestito, al caricamento e alla validazione dei documenti fino alla gestione delle rate. Tutto questo fa risparmiare tempo e ha il grande vantaggio dell’abbattere completamente qualsiasi limitazione geografica.

Lo spostamento dal retail ai canali diretti

Proprio la crescente digitalizzazione ha portato alla valorizzazione di tutti quei processi che avvengono senza intermediazione. Offrendo i servizi online gli operatori Fintech, come le piattaforme di crowdlending, possono dialogare direttamente con il cliente, diventando estremamente più agili rispetto agli operatori tradizionali.

A oggi i servizi finanziari online sono solitamente più facili da avvicinare, più convenienti dal punto di vista delle tempistiche e, a volte, persino meno costosi e impegnativi rispetto alle altre offerte sul mercato.

Tuttavia i professionisti continueranno ad avere un ruolo decisivo, soprattutto se adotteranno un approccio olistico al cliente, offrendogli soluzioni che siano in linea con diverse sue esigenze e gli permettano di rivolgersi comodamente a un unico interlocutore.

Riduzione del numero dei competitor sul mercato

La crescita del Fintech è stata fin qui ampiamente documentata: dal 2010 al 2016 gli operatori di finanza alternativa nel settore dei prestiti sono passati da una quota di mercato del 2% a una dell’8%, riscontrando una grandissima fiducia negli investitori.

Questa espansione, tuttavia, ha portato a un’espansione ma anche a una frammentazione del mercato dei finanziamenti, creando un moltiplicarsi delle offerte.

Tuttavia nel prossimo futuro ci possiamo aspettare che, se la richiesta di prestiti dovesse diminuire, sicuramente l’offerta dovrebbe riorganizzarsi, strutturandosi attorno a player unici, che possano risultare più solidi e offrire soluzioni differenziate ai clienti.
L’obiettivo è sempre quello di garantire alle persone semplicità, chiarezza e sicurezza nel momento in cui scelgono di fare un investimento o chiedere un prestito.

Interessi più bassi portano diversi equilibri di mercato

Verosimilmente gli interessi sui prestiti nel prossimo futuro resteranno abbastanza bassi da rendere il crowdlending decisamente conveniente e accessibile sia per investitori che per richiedenti.

Non occorrerà più osservare e attendere l’evoluzione delle fluttuazioni del mercato per decidere di fare un investimento, per cui questo strumento di finanza alternativa diventerà sempre più appetibile per un numero sempre crescente di persone in qualsiasi periodo dell’anno.

Ciò significa che gli operatori necessariamente dovranno offrire prodotti e servizi eccellenti, per andare incontro a un pubblico sempre più maturo e consapevole: chi saprà davvero ascoltare e interpretare i bisogni dei propri clienti sarà vincente sul mercato.

0 Shares:
You May Also Like