I 5 vantaggi – non sempre così evidenti – del credito al consumo online

Di FinTech ormai tutti parlano in maniera continua e pervasiva. Spesso non nel modo giusto: resistono alcuni miti da sfatare e fattori ancora non del tutto chiari, in particolare nel P2P lending dedicato alle persone. Abbiamo provato a elencare i cinque vantaggi del comparto, dal punto di vista del richiedente e dell’economia reale. Eccoli.

 

Velocità. Uno dei maggiori punti di forza del P2P lending è il tempo che consente di risparmiare. Nel credito al consumo tradizionale può essere necessaria anche una settimana dal momento in cui la banca riceve tutta la documentazione richiesta a quello in cui l’ammontare desiderato arriva sul conto corrente (con tempi complessivi che possono arrivare in alcuni casi fino a 3 o 4 settimane). Online, la risposta sull’esito della domanda è praticamente in tempo reale: una volta inseriti i dati sulla piattaforma, viene verificata la fattibilità della richiesta (in sostanza si verifica che non ci siano protesti o ritardi). Nel momento in cui si riceve l’ok da parte della piattaforma, il cliente potrà inviare la documentazione completa come da richiesta: dal momento della corretta ricezione della stessa, la piattaforma impiega 48 ore per fare l’istruttoria e per trasferire il denaro sul conto del cliente.

 

Esperienza digitale e flessibile. Tutto il procedimento avviene online, senza la mediazione di consulenti e senza la necessità di recarsi allo sportello. Con conseguente ulteriori risparmio di tempo e chilometri macinati per recarsi a più riprese in una sede fisica. Il carattere digitale dell’esperienza garantisce flessibilità. È il cliente che decide tempi e modi di interazione e, pur non interfacciandosi fisicamente con un consulente, può godere di un’assistenza telefonica sempre disponibile e personalizzata.

 

Disintermediazione. Il P2P lending è il mercato dove si incontrano le due parti del rapporto di prestito. Da un lato il richiedente, che necessita di un finanziamento per scopi diversi – dall’acquisto di un’auto, alla ristrutturazione di un’abitazione, al finanziamento di una vacanza o di un periodo di studio all’estero, tanto per fare degli esempi. Dall’altro, il lender che accetta di prestare a un paniere diversificato di borrower e sottoscrive un contratto in cui vengono dettagliate le tempistiche e le modalità di restituzione del capitale.

 

Tassi di interesse competitivi. Sgombriamo subito il campo da una falsa credenza: ovvero che il P2P lending applichi tassi di interesse elevati in cambio dei vantaggi descritti in termini soprattutto di velocità e comodità della fruizione. I tassi applicati dipendono da due caratteristiche: il profilo di rischio del cliente (ad esempio nella classificazione di Smartika ne esistono tre) e l’incontro tra domanda e offerta (il lender può richiedere di ricevere un dato tasso e attendere che sul mercato si presenti qualcuno disposto a corrisponderglielo). Proprio per queste ragioni i tassi di interesse sono variabili nel tempo: nell’ultimo quadrimestre i TAN registrati sulla piattaforma di Smartika si sono mossi tra il 2,41% e il 5,16%. Nella parte bassa del range si tratta di un valore molto competitivo rispetto ai tassi applicati dagli operatori tradizionali.

 

L’etica del P2P lending tra persone. È vero, tutto avviene online per il tramite della piattaforma Smartika. Ma questo non deve far perdere di vista il focus del P2P lending tra persone: ovvero, appunto, le persone. Al centro del FinTech c’è sempre l’uomo ed è per questo che funziona. Senza considerare che questo segmento di mercato contiene in sé un forte contenuto etico: lato investitore perché si finanziano i sogni e i progetti di altre persone; lato richiedente perché si va a colmare un vuoto nell’erogazione di credito che facilita i consumi domestici, ovvero sostiene la domanda di prodotti che contribuisce alla crescita del PIL. In qualche modo si alimenta l’economia reale in uno sforzo congiunto che vede coinvolte, ci piace ripeterlo ancora una volta, le persone.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Aggiornamenti


Per favore lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Current day month ye@r *