Statistiche Smartika Marzo 2012/Dicembre 2013

Dopo diversi mesi di attività e di successive azioni di recupero crediti,  riteniamo importante dare dei dati più completi sullo status delle sofferenze, in particolar modo rispetto alle insolvenze previste per ogni mercato.

Riportiamo allo scopo una tabella evidenziante lo stato dei prestiti erogati nel periodo Marzo 2012/Dicembre 2013

Tabella erogazionidove

capitale in sofferenza: debito residuo complessivo per Richiedenti che presentano almeno quattro rate in ritardo;
insolvenza prevista: % di capitale preventivato come potenziale perdita.

Su di un totale di  806 prestiti erogati nel periodo, 34 si trovano in stato di sofferenza e contiamo quindi di poter fornire riscontri migliorativi a seguito di ulteriori  attività di recupero effettuate o da effettuare.
Segnaliamo altresì che soprattutto per le classi A36 e C48 il delta tra  insolvenza prevista e sofferenza attuale è rilevante e su di esse abbiamo da tempo  effettuato le debite analisi correttive che stanno portando dei risultati in decisivo miglioramento.

Ricordiamo, infine, che con l’intervento di Smartika Lender Protection la tematica delle perdite dovrebbe attenuarsi notevolmente: contiamo quindi che sia un rilievo del passato.

Tags: , , , , , , , , ,

Pubblicato in Aggiornamenti, My Smartika, statistiche

8 Risposta a “Statistiche Smartika Marzo 2012/Dicembre 2013”

  • Andrea says:

    ma le statistiche non vengono aggiornate?? come anche i debitori ?? esempio walterd e mauritius84

  • Domenico says:

    Scusate, io ho 5 “richiedenti ristrutturati”, alcuni mancano le date, e dalle schede non non si vede se hanno cominciato a ripagare oppure no. Vengono ugualmente aggiornate le schede con le vecchie rate insolute, oppure si crea una nuova scheda con le nuove date e le nuove rate? Un po’ di chiarezza e precisione … grazie

  • cecco1971 says:

    Proposta: Salve,perchè non pensare di concedere dei piccoli prestiti ai lender ad un tasso molto agevolato,in maniera che i prestatori siano invogliati a usufruire della piattaforma anche come richiedenti per piccoli acquisti,magari fissando un tetto e se fosse fattibile, evitare il bonifico e prendere le rate direttamente dal conto Smartika decurtandolo direttamente dai ripagamenti? Magari è una cavolata,ma l’avevo in testa …… complimenti per il Vostro lavoro,ciao ciao.

  • Donato says:

    Il post è bello ma ci racconta una situazione piuttosto vecchia.
    Nel 2014, siamo, per quanto mi riguarda, peggiorati.
    Fra i miei ritardatari ad esempio ci sono quelli del 2014 che rappresentano il 50% (ho incluso cino90 che andrebbe inserito nei ritardi e non più fra i non incassati poichè non ha pagato la sua 4 rata di gennaio 2015)

    Ottimo lavoro e avanti così ma con dati più recenti per favore.
    Saluti
    Donato

    • Tomaso says:

      @ Donato

      Bene che queste nuove informazioni trovino il tuo apprezzamento: relativamente al 2014 alcune è necessario avere uno storico nei pagamenti abbastanza adeguato per poter dare dei rilievi statistici che abbiano un giusto peso.
      Quello che posso anticipare è che sui dati dello scorso anno pesano in termini negativi i primi mesi di erogazione del mercato K: rilevammo subito come fosse necessario un ulteriore restringimento dei criteri di erogazione e ciò lo rilevammo nel post di cui al link http://blog.smartika.it/2014/07/aggiornamenti-mercato-k/

    • YURY says:

      @Donato
      Se ci pensi un attimo non ha senso fare un’analisi sui ritardi strutturali dopo pochi mesi dal prestito.

      Detto questo mi piacerebbe anche vedere la statistica della “situazione legale” , cioè capire sulle classi/importo dei ritardi quanti sono oggetto di recupero crediti, quanti di procedura legale etc etc

      PS Comunque la pubblicazione della statistica mi è piaciuta


Per favore lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Current day month ye@r *