Statistiche Smartika aggiornate al 31/10/2014

Vi riportiamo i dati relativi all’attività di Smartika aggiornati al 31 Ottobre 2014

 

Ottobre Cumulato
Totale prestiti erogati 87 1564
Importo prestiti erogati 402.690 8.323.970
TAEG 10,01% 9,48%
Importo medio erogato 4.629 5.657
Durata media 31 35,55
Numero rate da incassare 21.152
Numero rate incassate 20.533 97,07%
Importo rare da incassare 3.724.639
Importo rate incassate 3.602.882 96,73%
Richiedenti in ritardo* 58
Richiedenti con rate non incassate (meno  di quattro) 78
Ritenuta d’acconto applicata 83.316

*Numero Richiedenti in ritardo per ciascun mercato:1 A+36, 3 A36, 5 B24, 8 B36, 9 B48, 5 C24, 6 C36, 13 C48, 2 K12, 1 K24, 1 K36, 4 K48

Ripartizione delle erogazioni per classe:

ripartizione mercati

 

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Pubblicato in Aggiornamenti, My Smartika, statistiche

26 Risposta a “Statistiche Smartika aggiornate al 31/10/2014”

  • luco says:

    Gradirei essere informato nel merito del nuovo piano di rientro ,da voi accettato da parte della mia debitrice ALESSANDRA 61 ( importo e tempi).Saluti

    • Tomaso says:

      @ luco

      La debitrice ha un piano di rientro che prevede il versamento di cambiali di 197,23 mensili: stiamo attendendo il versamento da parte della Società che ha in gestione gli incassi.

  • puck says:

    E’ vostra intenzione contabilizzare le perdite Zopa nella pagina “My Smartika oggi”?

    • Tomaso says:

      @puck

      Abbiamo in progetto di rivedere la grafica di MySmartika diversificando anche le statistiche tra la gestione Zopa e quella attuale.

  • luco says:

    Buona sera, gradirei cortesemente sapere per quali motivazioni non e`stato pubblicato il mio commento.Grazie

  • EUROGEN - prestatore pioniere ZOPA says says:

    Il debitore italiana ha avuto più di 8.000 euro a marzo 2014. Non vedo alcuna rata pagata. A giugno 2014 vedo la lettera di decadenza del beneficio del termine. Vorrei che mi spiegaste molto dettagliatamente cosa è successo dopo, non abbiate remore, il mio ufficio legale e di recupero crediti capiranno eventuali spiegazioni “tecniche”.

    Buon lavoro a tutti

    • Tomaso says:

      @ eurogen

      All’interno della scheda della cliente la data è inserita nel formato “italiano”: la lettera di decadenza del beneficio è stata inoltrata il 06/11 u.s.
      Aggiungo che la sua posizione è ora in gestione ad una delle Società preposte al recupero domiciliare

      • EUROGEN - prestatore pioniere ZOPA says says:

        Va bene.
        Diciamo che a marzo 2014 erogate 8.000 euro. Siamo in piena gestione Smartika, Zopa non c’entra nulla.
        Secondo quanto pubblicate nel post dedicato:

        Recupero interno 15-20 giorni (entro metà aprile 2014). Vorrei sapere quale tipo di difficoltà di pagamento ha incontrato il debitore “italiana”.

        Recupero telefonico 30-40 giorni (entro fine maggio 2014). Vorrei sapere l’esito delle telefonate della società di recupero crediti telefonica.

        Verifica domiciliare 60 giorni (entro fine giugno 2014). Stessa domanda

        Piano di rientro e lettera decadenza beneficio del termine 90 giorni (entro fine settembre 2014). Vorrei sapere cosa è stato discusso con questo debitore, che piano di rientro, perchè la lettera è partita a novembre e non a settembre.

        Mediazione civile – 1 anno – marzo 2015. Dovremmo essere in questa fase ma leggo che state a quella del recupero domiciliare.

        Attendo riscontri dettagliati sui singoli punti

        • Tomaso says:

          @ Eurogen

          Segnalo semplicemente che come riscontrabile dal piano di ammortamento della debitrice la prima scadenza era il 01/05 e i tempi di gestione, senza tenere eccessivamente conto del mese di Agosto, sono stati rispettati.
          Tutto il resto va oltre quello che ragionevolmente può esser segnalato ed eccede anche la più ampia trasparenza.

          • EUROGEN - prestatore pioniere ZOPA says says:

            Fatto 1: Il piano di ammortamento della debitrice non è stato rispettato sin dalla prima rata.
            Fatto 2: I tempi di gestione non risultano congrui con il prospetto da voi indicato, io vi ho indicato le incongruenze una per una
            Fatto 3: non ho ricevuto alcun riscontro in merito alla situazione di questo debitore

            Io, e come me tanti prestatori, sto cercando di capire quali sono le oggettive difficoltà che incontrate sia con le situazioni singole del debitore sia in termini di processo di gestione, ma sinceramente non ho elementi per instaurare con voi un dialogo costruttivo. Eppure ritengo che, come me, parecchi prestatori che siano tecnicamente preparati e, per questioni di lavoro o di formazione, conoscano almeno alcuni punti di vista della materia che fate tanto complicata ma senza mai entrare nel merito.

            Posso solo dirvi che cercherò di interagire con voi sempre meno tramite questo mezzo, ottimo per raccogliere spunti di riflessione e stati d’animo, ma che non riesce ad andare oltre.

          • Tomaso says:

            @ eurogen

            Relativamente alla debitrice in questione, l’attesa relativa all’inoltro della decadenza derivò dall’aver più volte ricevuto da parte della stessa promesse di pagamento, poi disattese, nonché dall’aver verificato che la richiesta di addebito sul suo conto risulti ancora attiva (il conto, pertanto, non risulta oggetto di chiusura), sintomo di una potenziale possibilità di recupero.

            Quanto al blog esso spesso non è utilizzato per critiche costruttive: rileviamo come invece si utilizzino modalità comunicative e di espressione nelle quali ognuno dice la sua e non sempre a ragion veduta.
            A noi piacerebbe, invece, che questo spazio possa esser un punto di incontro e non di attacco.

          • velaccino71 says:

            @Tomaso
            può accadere che qualcuno, io compreso, dica cose errate perchè semplicemente l’attività di ‘erogazione del credito non è ne materia di studio e ne materia di lavoro. Sta a voi cercare di rispondere in maniera più esaustiva e semplice possibile al fine di far capire anche ai meno esperti. Non sono in accordo sul non conteggiare il mese di Agosto nella tempistica di gestione delle pratiche in ritardo, mio padre mi ha insegnato che se ci sono delle scadenze vanno sempre rispettate e se c’è del lavoro da fare le ferie si rimandano.

          • Tomaso says:

            @ velaccino71

            Relativamente al mese di Agosto, il lavoro da parte nostra e delle Società di recupero viene adeguatamente svolto: risulta, però, ancor più difficile interloquire adeguatamente con i debitori.

  • Lorenzo Pompeo says:

    Secondo me sarebbe più utile conoscere il dato dei prestiti in ritardo in percentuale rispetto al totale di quelli erogati e non in assoluto.

  • vitaminico says:

    Si potrebbe conoscere il tasso di interesse medio ponderato sia di smartika che di zopa al netto delle commissioni, perdite e ritardi? Mi sembra un buon indicatore.

    • Tomaso says:

      @ vitaminico

      Non avendo ancora notificato perdite per quanto riguarda Smartika non è possibile elaborare quanto richiesto per fare una debita comparazione.

      • vitaminico says:

        Non mi sembra di aver chiesto di fare una comparazione… se non ci sono perdite si sottrarrà zero! Mi sembra che il tasso dei prestatori (cioè quello che uno si aspetterebbe di ricevere aderendo a Smartika) sia un po diverso dalla realtà. E sarebbe davvero trasparente da parte Vostra pubblicare questo dato, In modo da poter valutare i risultati ottenuti fino ad oggi. Non credete?

        • Gabriele says:

          Visto che hanno anche i profili di reddito dei prestatori, se volessero potrebbero mettere il tasso al NETTO di IRPEF (media), perdite e capitale in ritardo, anche solo stimato.

          • Tomaso says:

            @ Gabriele

            I profili di reddito dichiarato dai nostri prestatori rientrano in queste fasce: fino a € 20.000,00, tra € 20.000,00 e € 40.000,00, oltre € 40.000,00.
            Nessuna stima congrua può esser effettuata per calcolare l’impatto fiscale per ciascun utente.

      • vitaminico says:

        Visto la Vostra celerità a rispondere a messaggi del blog trovo inusuale che il mio precedente commento non sia ancora stato validato….. Avete deciso di non pubblicarlo?

        • Tomaso says:

          @ vitamico

          Il commento è stato pubblicato.
          Di seguito i dati Zopa ad oggi
          -interessi accreditati € 733.863,77
          -ritenuta d’acconto € 91.145,81
          -commissioni lenders € 26.113,79
          -importo a perdita alla data odierna € 257.275,51

          e qui i dati Smartika sempre ad oggi
          -interessi accreditati € 478.054,84
          -ritenuta d’acconto € 81.646,04
          -commissioni lenders € 30.896,79

  • YURY says:

    A proposito di grafici, il “tasso di insolvenza atteso” (tabella delle offerte) è un valore statistico generale italiano o sono dati realmente estrapolati dall’attività di Zopa/Smartika?

    Nel primo caso sarebbe utile avere un grafico storico con
    – ascisse: percentuali
    – ordinate per ogni classe: importi erogati , importi in ritardo, importi non incassati

    • Tomaso says:

      @Yuri

      Le insolvenze previste sono un rilievo interno di Smartika, in relazione agli indici da cui è derivato il sistema di scoring

  • YURY says:

    Bello il grafico. Però sarebbe meglio scrivere che l’asse delle ascisse rappresenta l’erogazione percentuale per importo erogato OPPURE per numero dei prestiti

  • Leonardo says:

    Da quando sono entrato in Smartika, finalmente vedo le % del numero e dell’importo di rate incassate salire anziché scendere rispetto al mese precedente!

    Il recupero crediti sta dando i suoi frutti?


Per favore lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Current day month ye@r *