SmartikStories #3

A distanza di qualche mese dalla pubblicazione delle ultime SmartikStories, nell’attesa che arrivi una primavera un po’ meno timida vi proponiamo la lettura di qualche altra testimonianza raccontataci da chi ha ricevuto un prestito con Smartika. Buona lettura!

Fiodena – Lavoro per un’azienda con contratto a tempo indeterminato ormai da 3 anni. L’unico finanziamento che ho fatto in vita mia era di 3 anni e l’ho estinto alla fine del primo anno, quindi questo esclude problematiche legate alla mia storia creditizia.
Eppure con tutte le finanziarie è stato sempre un problema ottenere un prestito. (…) Ho ottenuto il mio prestito in una settimana, trovando la soluzione più adatta a me grazie agli operatori disponibilissimi a telefono ed il sito internet che ti permette di trovare la combinazione giusta importo/durata. Oltre al risparmio ottenuto mi piace sottolineare il valore sociale di questa iniziata:la gente che aiuta la gente! Non vedo l’ora di estinguere il mio debito e tornare ad essere prestatore aiutando altre persone che hanno progetti.
Buon smartika a tutti

Principe70 – Da tempo sentivo parlare di prestiti tra privati con notevole vantaggio economico in fatto di interessi. Ho contattato diversi soggetti, e tutti mi chiedevano dati sensibili e c/c bancario per l’invio del prestito: questa cosa mi ha sempre insospettito e ho lasciato perdere, fino a quando dopo una ricerca presso siti attendibili di informazione vengo a conoscenza di Smartika. Mi ha ispirato subito fiducia dal fatto che si poteva accedere a piccoli prestiti e non a cifre esorbitanti. Grande sorpresa: piano di ammortamento con interessi bassissimi, valutazione richiesta come da finanziaria o banca, invio di contratto da firmare e rispedire con il massimo della trasparenza, inoltre la velocità nella comunicazione in mancanza di documenti o non leggibili comunicandoli via fax o email con operatori molto esaurienti e disponibili. Veramente soddisfatto della serietà di Smartika nel tutelare gli investitori e soddisfare le richieste di prestito con tassi molto vantaggiosi, per la velocità nella valutazione della pratica e la comunicazione tra Smartika e richiedente. Consiglio Smartika a tutti coloro che necessitano di un piccolo prestito corredato di serietà convenienza velocità e tutela.

20000leghe – Sarò breve come lo siete stati voi nel prestarmi l’importo richiesto. Vi avevo conosciuto quando eravate ZOPA ascoltando una trasmissione radiofonica; recentemente ho avuto problemi di liquidità per pagamenti di tasse arretrate; è stato tutto molto veloce e, importante, molto conveniente come tassi applicati. Evviva SMARTIKA. Ho già provveduto a segnalarvi ad un mio parente.

Gretacandy: ho conosciuto Smartika facendo una ricerca su Internet suggerita da mia madre (…). Prima di questo, ho contattato due banche, senza istruzione della pratica ma solo comunicando i dati del reddito e il tipo di contratto di lavoro (apprendistato), e mi hanno risposto -con molta lentezza- che era necessario avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato per cui non si poteva fare. Poi ho contatto Smartika e devo dire di essermi trovata benissimo per i seguenti motivi: velocità istruzione pratica, comodità (tutta la documentazione e le comunicazioni sono avvenuti on-line senza spostamenti, appuntamenti etc.), controllo dello stato della pratica direttamente dal sito, velocità nell’erogazione, interessi e spese inferiori a quelli di mercato (secondo alcuni preventivi effettuati su siti tipo “prestiti on line” in cui i tassi di interesse risultavano decisamente superiori), cordialità nelle comunicazioni via e-mail.

Tags: , ,

Pubblicato in Smartikstories

20 Risposta a “SmartikStories #3”

  • puck says:

    Da prestatore non posso che essere contento. Ci guadagnano tutti!

    Ora però, visto il nuovo (e positivo) corso di Smartika, non sarebbe ora di cedere i crediti insoluti che si trascinano da ormai tre anni senza che, a fronte di tutti gli sforzi, nulla cambi?

    Nessuna voglia di vedermi ascritte delle perdite, ma via il dente… e io mi sento come nella sala d’attesa del dentista da troppo tempo.

    • Carlo says:

      puck,
      vogliamo utilizzare il 2013 per portare a termine tutti i tentativi ancora possibili: la cessione per le situazioni più critiche, l’azione legale (42 pratiche), una nuova azione di recupero attraverso agenzie (37 pratiche). E finalmente uscire da quello stato che così bene descrivi.

      Carlo – Smartika Team

      • Gianni says:

        Da prestatore dico che c’è troppa gente che ha trovato il sistema di non pagare , alla fine avremo veramente guadagnato qualcosa o soltanto fatto beneficenza ?

        • lucauau says:

          cosa intendi Gianni? di che sistemi parli?

          • leonardo c says:

            immagino si riferisca a tanti richiedenti che dopo poche rate pagate (alcuni addirittura nessuna) sono spariti nel nulla e, a distanza di anni, non si è intrapresa o potuta intraprendere alcuna azione

    • wsereno says:

      essendo da poco tempo prestatore mi sarebbe utile conoscere di quanto è fuori puck, ovvero, di quanto sono ancora gli insoluti più importanti e se questo riguarda solo la “vecchia zopa” oppure se, come assereisce Gianni, la cosa riguarda anche la nuova gestione di Samrtika con addirittura un aumento per qualche “ignoto motivo”

      P.S.
      il ” …… via il dente ” per i vecchi insoluti potrebbe essere una soluzione se i crediti da recuperare sono di valore più basso dell’eventuale costo per il recupero ma, sicuramente avete bene presente la situazione

      • Carlo says:

        La gestione dei prestiti Smartika sta dando ottimi risultati, come puoi controllare in http://blog.smartika.it/2013/04/statistiche_marzo/, 3070 rate incassate su 3076 (99,8%) e si tratta di rate non incassate con probabilità molto alta di recupero. Non ci sono ritardi che vengono dichiarati quando ci sono 4 o più rate in ritardo.
        Per i dati di puck sui suoi ritardi Zopa preferisco te li dia lui per ragioni di privacy.

        Carlo – Smartika Team

        • wsereno says:

          le statistiche sono confortanti, esaltanti rispetto a quanto leggevo per Zopa
          Come sono i dati negli altri paesi, la media dei ritardi e degli insoluti?
          Grazie

          • Carlo says:

            non è facile interpretare i dati forniti dalle piattaforme, cerco di farti un quadro delle tre piattaforme leader concentrandomi sugli insoluti (o default o perdite come si possono chiamare:
            – Lending Club (Usa): 3% di default mediamente all’anno dal 2007
            – Prosper (Usa): mediamente 7,74% di default (con interessi però del 17,01%, non esistono i limiti antiusura in molti paesi) calcolato a fine 12/2012 per i prestiti erogati tra 7/2009 e 2/2012
            – Zopa (UK). al momento non pubblicano il dato sul sito, ma notoriamente sono quelli andati sempre meglio con default intorno all’1%

            Carlo – Smartika Team

      • puck says:

        E’ molto semplice: per la gestione Zopa, le perdite si sono mangiati i guadagni.

        Non ho fatto bene i conti e non sarei capace di farli con la competenza necessaria, ma sui 500 euro con cui avevo cominciato l’esperianza ho guadagnato circa 45 euro lasciandone circa 70 di “ritardi” che prima o poi saranno correttamente collocati tra le perdite.

        Messa così, il buon senso imporrebbe di portare via i propri risparmi il più lontano possibile dal social lending.

        Io però ho continuato con Smartika che, con la decina di offerte fatte sino ad oggi, non mi ha dato alcun problema. In fondo qui 500 euro investiti in Zopa erano per provare e capire come funziona. Ora mi sono dato delle regole nelle mie offerte.
        Investirò altro denaro quando il nuovo corso mi avrà definitavemente convinto (e avrò disponibilità).

        • Tomaso says:

          @ puck

          Siamo felici di sapere che nonostante una performance non esaltante del tuo investimento con Zopa abbia deciso di darci ancora fiducia erogando nuovi prestiti con Smartika. Delle pratiche ad oggi in ritardo da te finanziate un’oggettiva possibilità di perdita potrebbe indicativamente riguardare il 50 % di esse.

          Per quanto riguarda i pagamenti incassati dai prestiti erogati come Zopa, alla data odierna, la somma delle rate accreditate ai prestatori decurtando la ritenuta d’acconto applicata è superiore, seppur di un importo non rilevante alla quota capitale totale erogata.

          Tomaso

          • puck says:

            Da profano domando: ciò si verifica grazie all’interesse composto giusto?

          • Tomaso says:

            @ puck

            Nel caso sia attivo il riprestito automatico si può parlare di interesse composto, altrimenti esso è semplice.

            Tomaso

        • Gabriele says:

          45 euro su 500?? non è mica poco 🙂 considerando il blocco non è male..! considera che io avrò guadagnato 170 euro su 5000 🙂 fatti due proporzioni tra me e te e ne riparliamo 😛 se io avessi avuto 450 euro su 5000 avrei fatto i salti di gioia 🙂

          • puck says:

            Circa 45 (ai quali vanno sottratti quelli guadagnati nell’ultimo anno con il nuovo corso Smartika), ma dal 2009.

            A questi vanno sottratti i circa 70 euro di ritardi. Stando a quanto affermato da Tomaso, la metà di questi potrei perderli… quindi…

            Ripeto: credo in Smartika! Ma l’esperienza zopiana io la considero assolutamente negativa!

          • leonardo c says:

            devi tenere conto delle possibili, e almeno molte di esse anche più che probabili, perdite!
            io, a occhio, su circa 1700 euro dal 2009 nel sistema zopa+smartika e dando per scontato (in maniera negativa ma realista: a mio avviso bisogna sempre prendere in considerazione lo scenario peggiore, non si vive di illusioni) che i ritardi (170 euro) equivalgano a perdite, ho “guadagnato” (specie grazie a smartika, perché con zopa ero a pareggio) una ventina di euro… e ritengo d’essere stato fortunato e forse anche un po’ bravo (nelle combinazioni offerte importi/tassi/mercati) nell’esser riuscito almeno a non perdere il capitale!

      • trecalzini says:

        tanto per parlare di dati concreti.
        con zopa avevo investito 20000 euro (ingresso inizio 2009). Se considero tutti i ritardi attuali come perdite il mio guadagno netto attuale è del 1,5% annuo del capitale (non molto ma nemmeno indecoroso). Con Smartika ho 0 (zero!!) ritardi. Ad oggi 80 euri (netti) di interessi incassati su 550 euro di capitale rimborsato (totale prestiti 3000 euro) (per le prime rate il rapporto interessi/capitale è però molto piu’ alto: il mio interesse medio è del 6,26%)).

        • ellembi47 says:

          Se Zopa non fosse stata ferma per oltre due anni ritengo che a questo punto starei guadagnando di più rispetto all’utile netto (dedotti ritardi storici ovviamente) che ho in questo momento: circa 110 Euro su poco più di 8/m euro trasferiti a Zopa/Smartika. Ho visto che frazionando molto gli importi prestati (sul “C” presto al massimo 10 Euro) si riduce anche molto il rischio di grosse perdite (con Smartika ho solo 3 rate insolute su 111 prestiti). Adesso, reinvestendo automaticamente gli importi incassati, bene o male vedo che non ho bisogno di trasferire altri fondi con molta frequenza e la mia disponibilità a finanziare la classe C anche fino a 48 mesi alza abbastanza il tasso medio che supera l’8%. Non sono grossi guadagni ma neanche da disprezzare: per differenziare i propri investimenti mi sembra una soluzione più che accettabile.

        • Gabriele says:

          Io dalla gestione Zopa ho guadagnato 70 euro netti (se i ritardi diventano perdite effettive) su 5000 investiti.. l’1,4% (NON annuo) nella totalità degli anni. Ovviamente considerando il blocco man mano i soldi che rientravano li reinvestivo in altri strumenti.. come c’è da sottolineare che i 5000 non sono stati investiti in un unico blocco, ma inseriti e aumentati gradualmente a pari passo con le assegnazioni e i prestiti erogati! Il calcolo esatto del rendimento è quindi impossibile da fare..! Speriamo in ogni caso possa andare meglio con Smartika, si punta sempre ad andare meglio 🙂 più che altro lo faccio per divertimento, oltre ad aspettarmi un guadagno decoroso.

        • leonardo c says:

          permettimi di dubitare non sulla veridicità dei dati ma sulla loro corretta interpretazione… secondo me qualcosa non quadra in rapporto ai ritardi, anche se a parziale motivazione può esserci che avendo investito una cifra importante puoi aver spalmato il rischio su più richiedenti


Per favore lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Current day month ye@r *